Crea sito

La “voce” dell’acqua

Il giapponese Masaru Emoto (dottorato in medicina alternativa presso l’Open International University nel 1992) iniziò le sue interessanti ricerche sull’acqua nel 1984, dopo aver conosciuto il biochimico statunitense Lee H. Lorenzen, inventore della “microcluster water”, un’acqua che aveva effetti terapeutici. Lorenzen era in possesso di un apparecchio chiamato MRA (Magnetic Resonance Analyzer) che riusciva a misurare l’energia Hado.
La parola giapponese Hado significa “cresta dell’onda” e sta ad indicare una sottile vibrazione energetica che è all’origine della creazione.
Emoto fondò nel 1986 l’IHM (International Hado Membership) un’organizzazione formata da persone che desideravano conoscere e utilizzare le tecnologie Hado per realizzare la pace nel mondo.
In seguito a una serie di studi  Emoto capì che tale energia riusciva a influenzare e modificare l’acqua.
Prese dei campioni di diversi tipi di acqua e li congelò, dopodiché li esaminò al microscopio e fotografò i cristalli che si erano formati.
L’acqua di laghi e fiumi presentava cristalli perfetti, mentre in quella delle città, con un alto grado di inquinamento, i cristalli perdevano totalmente la loro armonica bellezza.
In seguito a una serie di prove notò che i cristalli d’acqua cambiavano a seconda delle vibrazioni positive o negative a cui il liquido era sottoposto, le prime procuravano al cristallo un’immagine armoniosa, le seconde invece lo trasformavano in una struttura disarmonica e informe.  Era evidente che l’acqua riusciva a registrare le vibrazioni di energia che riceveva.
Emoto sottopose dell’acqua distillata a diversi brani musicali per studiarne la reazione. Dopo averla congelata, la fotografò. I cristalli si erano modificati registrando informazioni in base alla musica ascoltata.

Emoto usava acqua distillata ogni qualvolta aveva bisogno di capire come si comportava il liquido sottoposto a diversi tipi di test, visto che questo tipo di acqua congelata formava cristalli dalla semplice forma esagonale che stava ad indicare che il liquido non aveva registrato nessuna informazione.
Dopo la musica Emoto sottopose l’acqua a parole scritte. Usando parole come “voglio ucciderti” o belle come “grazie” si davano nuove informazioni all’acqua che come sempre, reagiva di conseguenza.

Andando avanti con i suoi studi Emoto volle sperimentare se l’acqua riusciva a ricevere informazioni a distanza. Pose un piccolo recipiente con acqua potabile
(che congelata non riusciva a formare cristalli regolari) sulla sua scrivania. Chiese a circa 500 persone fra conoscenti e amici di  mandare energia vitale all’acqua in un determinato giorno e orario.
Il risultato fu che l’acqua cambiò e i suoi cristalli divennero regolari e armoniosi.
Furono fatti altri esperimenti ponendo campioni di acqua sopra delle immagini che ritraevano delfini, sole, terra. I cristalli ottenuti con i delfini
erano belli e regolari, mentre quelli ottenuti da terra e sole non solo apparivano belli ma erano più ricchi di elementi geometrici. Emoto notò che i cristalli che si formavano sopra le immagini erano uguali a quelli che si producevano appoggiando i campioni di acqua sulle parole scritte “delfini, “terra”, “sole”.
L’effetto dell’immagine sull’acqua era uguale a quello della parola scritta, trasmetteva le stesse informazioni al liquido.
Andando avanti con i suoi studi, Emoto si convinse che la formula di Albert Einstein sull’ energia (E=MC²) significava che questa era uguale al numero di persone per il quadrato della loro consapevolezza.
Il 25 luglio del 1999 riuscì a riunire 350 persone sulle sponde del lago più grande del Giappone, il lago Biwa in cui ogni anno apparivano alghe maleodoranti. Le persone riunite pregarono invocando la pace nel mondo. Dopo un mese dalla riunione le alghe non infestarono il lago, così fu fino a gennaio del 2000.
L’acqua prelevata prima delle preghiere non formava cristalli ma quella esaminata dopo le preghiere produsse bellissimi cristalli.
Questa esperienza spinse Emoto ad affermare:”Se, anziché 300 persone, fossimo stati in 30.000 o 300.000 avremmo potuto inviare ancora più amore e gratitudine all’acqua e forse la guarigione del lago Biwa sarebbe stata duratura!”.
Gli studi di Emoto misero in risalto la capacità dell’acqua di essere influenzata dall’energia che aveva intorno, sia fatta di pensieri, immagini o parole.  Scrisse libri che divennero presto famosi come La Scienza dell’Invisibile, Il Miracolo dell’Acqua, L’acqua che Guarisce. Nel 2003 creò un’organizzazione mondiale non-profit che chiamò “Acqua internazionale per la vita” alla quale dedica la sua ricerca sull’acqua finalizzata alla pace nel mondo.
Il corpo umano è composto per la maggior parte di acqua quindi reagirà in un certo modo, positivo o meno, verso parole o pensieri di odio o di amore.
La Terra ha circa la stessa percentuale di acqua del corpo umano, è coperta per il 70% della superficie di acqua.
Se riuscissimo a vivere in pace ed armonia fra di noi e con il nostro bel pianeta acquisteremmo una grande ricchezza.
You can follow any responses to this entry through the RSS 2.0 feed.Both comments and pings are currently closed.
18 Responses
  1. wolfghost says:

    Interessante post, come lo sono sempre quelli sul tuo blog 🙂
    Conoscevo, in parte, questi esperimenti di Emoto e le sue conclusioni. In fondo non deve stupire la faccenda della musica: essa è composta da vibrazioni, appare ragionevole che tali vibrazioni “guidino” o “disturbino” la forma della cristallizzazione dell’acqua. Quella dell’energia del pensiero è già meno immediata da concepire, pero’ potrebbe avere una sua logica visto che anche il pensiero è composto di vibrazioni o comunque le produce. Certo, la “potenza” emessa è indubbiamente inferiore rispetto a musica e parola, almeno nel nostro piano fisico, ma… il discorso potrebbe starci.
    Quello della parola scritta mi lascia invece francamente perplesso 😮 Pensare che l’acqua abbia capacità di lettura è oggettivamente poco credibile. Pero’ potrebbe essere che sia invece il pensiero dello sperimentatore, che sa cosa c’è scritto su carta, ad influenzare la cristallizzazione dell’acqua.
    Ed è vero anche che il corpo umano è composto prevalentemente da acqua, nessuno stupore quindi nel pensare che anche le nostre cellule potrebbero avere beneifici, o disturbi, nelle medesime condizioni.
    Un buona domenica per te! 🙂

  2. Demetrablu says:

    Grazie 🙂
    Sai, sulla parola scritta che riesce a modificare l’acqua la penso come te. L’energia reagisce in base alle nostre intenzioni, ai nostri pensieri e quando noi scriviamo una parola automaticamente su quella parola va il nostro pensiero, ciò che proviamo quando scriviamo riesce a trasmettere una certa energia alla parola scritta che a sua volta riesce ad influenzare l’acqua.
    Buona serata caro Lupo, un bacione! 😉

  3. Mr.Loto says:

    Anche io avevo scritto un post tempo fa su questo affascinante argomento.
    Gli studi del Dott.Emoto dimostrano che i brutti pensieri, le emozioni negative e la cattiveria non fanno altro che “imbruttirci” non solo a livello spirituale ma anche fisico!!
    Coltiviamo l’ottimismo, il buonumore, la bontà e l’altruismo e la nostra vita cambierà le sue frequenze….
    Un caro saluto e buona serata.

  4. Demetrablu says:

    E’ vero, ciò che siamo, quello che proviamo e come ci comportiamo con gli altri, ci rende più o meno solari e anche il nostro corpo risponde in una certa maniera. Basta vivere in modo sano, avere un atteggiamento positivo che tutto intorno a noi si modifica di conseguenza.
    Un caro saluto anche a te! 🙂

  5. wolfghost says:

    La parola scritta ha potenza solo nel momento in cui viene letta, perche’ quello e’ l’unico modo di agire che ha. … e l’acqua non sa leggere eheheh
    Insisto: e’ lo stato d’animo che magari agisce, che la parola sia scritta o che non lo sia 😉
    In altre parole, sono convinto che se qualcuno mette a fianco dell’acqua un contenitore senza sapere che libro contenga non otterra’ alcun effetto. Se invece sa’ che dentro c’e’, ad esempio, la bibbia… chissa’! 😛
    Un bacione a te! 🙂

    P.S.: bello questo template, mi piace la semplicita’ nel commentare…

  6. Demetrablu says:

    Ah ecco, dicevi solo dello stato d’animo che influenza l’acqua, non ti riferivi allo scritto, avevo letto fra le righe un passaggio in più 😉
    Be sai io credo che lo scritto in qualche modo possa “catturare” il nostro pensiero e quindi influenzare l’acqua, certo una chiacchieratina con Emoto mi schiarirebbe meglio le idee 😀
    (Volevo trovare un template dove le colonne di fianco stessero in ordine, ma non c’è nulla da fare…prima o poi rimetto il mio :-))

  7. wolfghost says:

    Ma perché??? E’ bello questo! 😀 Parti da questo e modificalo, no? 😛

  8. Demetrablu says:

    Si non è male, ma sinceramente sono troppo affezionata al mio 😉 che è solo qui per ora http://ilcuoredidemetra.iobloggo.com/

  9. wolfghost says:

    Accidenti… ma perché tieni un doppio blog? 😮

  10. Demetrablu says:

    Eheh è stato lo shock subito per la chiusura di Splinder, ho temuto di perdere il blog, se ce l’ho doppio mi sento più tranquilla 😉
    Iobloggo devo dire che mi è più famigliare rispetto a questo (somiglia più alla vecchia piattaforma che ci ospitava), ma in compenso questo mi sembra più affidabile 🙂

  11. wolfghost says:

    Sicuramente su iobloggo ci sono tanti nostri vecchi amici di blog, inoltre 🙂 Ma… bé, qui sono riuscito ad operare un trasferimento contento e… sono soddisfatto 🙂

  12. Demetrablu says:

    Infatti, la cosa importante alla fine è che siamo riusciti a salvare i blog e a tenerci gli amici che avevamo su Splinder 😉

  13. Jorkele says:

    Conosco la potenza della parola…meraviglia delle meraviglie.
    Conosci l’acqua diamante?

  14. Demetrablu says:

    Si ho letto dell’acqua diamante possiede una più alta vibrazione rispetto alla normale acqua, riesce ad armonizzare i chakra del corpo umano, anche versata nei laghi, nei fiumi o nei mari porta benefici effetti al nostro pianeta.

  15. Jorkele says:

    esatto…a casa ho fatto piccoli esperimenti, tipo: in una brocchetta di vetro, l’acqua diamante nei mesi non si corrompe
    Se lasci un bicchiere riempito di acqua diamante…di notte, la mattina non ha bollicine o ne ha in rapporto uno a 1000 rispetto ad un bicchiere riempito di acqua “normale”. 🙂

  16. Demetrablu says:

    Anche io a volte mi diverto a fare esperimenti, certo l’acqua diamante mi manca, ma anche con semplice acqua e cristalli si hanno dei buoni risultati 🙂

  17. Jorkele says:

    Immagino, l’acqua è sempre acqua e va tenuta sempre da conto,…io qualsiasi acqua beva, pronuncio mentalmente “grazie”, è facile, fa bene all’acqua a me e al mondo….credo 🙂

  18. Demetrablu says:

    E fai bene è un’ottima abitudine! 😉